Set 20, 2007 - Dessert, Dolci    11 Comments

Mousse al cioccolato

e30a2aafe86a057f6b0768e71afec3ee.jpg

La passione per la mousse al cioccolato m’è venuta in… Portogallo. Forse sarebbe stato più naturale imparare a cucinare il baccalà in un modo nuovo e originale dato che c’è un detto portoghese che dice che in Portogallo si può mangiare baccalà tutti i giorni dell’anno in modo sempre diverso. E invece no. Mi sono appassionata alla mousse. Durante il nostro viaggio abbiamo attraversato il Portogallo in lungo e in largo, ma il posto che m’è rimasto nel cuore è l’entroterra portoghese nei pressi del monte Estrela dove abbiamo soggiornato in un delizioso alberghetto a gestione familiare. Ospitalità e cucina ottima. Mi ricordo che ci siamo fermati più del tempo che avevamo programmato proprio perché quel posto ci rilassava. E il dolce che facevano veramente bene era la mousse, e così mi sono fatta dare la ricetta:

INGREDIENTI: Per 4 porzioni

250 g di cioccolato fondente amaro (tipo fondente nero Novi),

2 tuorli d’uovo,

3 albumi,

1 e ½ cucchiaio di zucchero,

1 e ½ cucchiaino di burro,

5 cucchiai d’acqua,

200 ml di panna liquida non zuccherata.

TEMPO DI PREPARAZIONE:
40 minuti

 

 

PREPARAZIONE:
Ho sbattuto i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere una crema quasi bianca.Nel frattempo ho fatto sciogliere il cioccolato a bagnomaria, quando si è sciolto ho aggiunto il burro e l’acqua. Ho mescolato fino ad ottenere un composto fluido e liscio. Ho tolto il tegame dal bagnomaria e subito ho aggiunto l’uovo precedentemente lavorato con lo zucchero (così da far “cuocere” un pò il tuorlo d’uovo nel cioccolato bollente). Ho fatto raffreddare a temperatura ambiente. Ho montato a neve molto molto soda gli albumi e la panna (meglio si montano questi 2 ingredienti più la mousse viene soffice). Ho unito la panna montata, gli albumi montati a neve e il cioccolato fuso. Ho mescolato a lungo fino ad ottenere un composto uniforme e spumoso che poi ho ripartito nei bicchieri da portata. Con il cioccolato avanzato ho fatto della granella che poi ho spolverato sulla mousse.

 

COMMENTO PERSONALE:
La prima volta che ho provato la ricetta della mouse l’ho messa in frigorifero a riposare per circa 2 ore, ma è diventata troppo dura e pesante. Ora, dopo averla preparata, la lascio a temperatura ambiente e rimane morbida e spumosa ed è subito pronta per essere mangiata. Si mantiene buona per diversi giorni. Volendo si può dare alla mousse il sapore del caffè, della menta o del cocco. Nel caso si voglia aromatizzarla al caffè, nel cioccolato fuso si aggiungono 3 cucchiai d’acqua (invece di 5) e una tazzina di caffè forte. Invece nel caso della menta e del cocco, si aggiunge 1 cucchiaio di essenza di menta o di cocco e altri 2 cucchiai di acqua (che quindi diventano 7).

IL COMMENTO DEL MARITO:
Solo a guardarla viene l’acquolina in bocca: è decisamente bello il contrasto dei due marroni, quello chiaro della mousse e quello più scuro della granella. La mangio con gli occhi, ho voglia di distruggere la compostezza del cioccolato. Così immergo il cucchiaio e lo porto alla bocca. Sì, la consistenza è proprio quella giusta, non come la prima volta che si impastava nel palato. Ora va giù che è una meraviglia! Non penso però al Portogallo mentre ripulisco il calice, forse perché questa mousse è anche più vaporosa di quella. E ha un tocco di classe in più: la granella più dura che si sbriciola tra i denti, in mezzo all’ariosità del cioccolato. Variante? Non ne ho la più pallida idea.

Mousse al cioccolatoultima modifica: 2007-09-20T21:10:00+00:00da paola_sq
Reposta per primo quest’articolo

11 Commenti

  • fatta!! finito or ora e farà da dolce domani sera, visto che hai detto che si conserva per giorni.
    ma dici che dura fino a domani sera fuori dal frigo??
    ho fatto due aggiunte: 1 cucchiaino di cannella e 1 di paprika piccante!!
    posso postarla su presi, rilinkando ovviamente qui da te?? cia’

  • Sì sì, stai tranquilla: si conserva fuori dal frigo e non avrai sorprese. Posta e linka in piena libertà…

    Paola

  • fatta, postata, mangiata.
    troppo buona.
    però la mia è venuta scuretta, non chiara come la tua.
    vai a capire.
    gra-grazie!!
    viv

  • Mi hai fatto venire una fameeeeeeee!!!!! ti rubero’ tutte le tue stupende ricette e quando torno dalla sardegna ti ricambiero’ “spero “con altre ricette. baci marina

  • Dato che hai la passione per la mousse al cioccolato, ti consiglio di provare la mousse di Heston Bluemental. E’ la migliore mousse mai mangiata, per il semplice motivo che non ci sono creme, solo cioccolato!

    http://www.youtube.com/watch?v=g28-9NVUHj0

    Enjoy 😉

  • si può preprare anche con il cacao in polvere?

  • barbara: parto dal principio che con i dolci è come lavorare in un laboratorio chimico: cambi una cosa e il risultato varia inevitabilmente. Però, in linea di principio non dovrebbe cambiare granché, forse potresti usare anche la panna fresca al posto di quella vagetale… ma sono tutte supposizioni, prima di prepararla per gli ospiti devi provarla in “intimità”.

    Paola

  • ma con questa ricetta quanti bicchieri si possono riempire….

  • kiki9610: queste sono le dosi per 4 persone.

    Paola

  • Ciao,
    sto cercando una ricetta do mousse perchè vorrei usarla per farcire una torta con pan di spagna. Secondo te può andar bene? Io dovrei farcire la torta al mattino, tenerla in frigo visto che la decoro con panna e poi portarla alla festa nel pomeriggio verso le 15 dove resterà fuori dal frigo fino al taglio della torta verso le18….che dici?
    Grazie
    Debora

  • Debora: per la farcitura al cioccolato usa la ricetta della ganache al cioccolato che trovi qui (http://diariodicucina.myblog.it/archive/2010/12/07/torta-di-pere-al-porto-e-ganache.html). Prepara la ganache la sera prima (se proprio non hai tempo la prepari la mattina stessa e la tieni in frigo per una mezzoretta prima di farcire la torta) ma una volta farcita la torta non metterla in frigo altrimenti la ganache si indurisce troppo, quindi magari decorala con la panna poco prima di portarla alla festa (in effetti: sei sicura che la panna “regga” tutto quel tempo?). Se proprio la devi mettere in frigo usa la stessa ricetta ma con meno cioccolato (invece di 200 g usane 150). Spero di esserti stata d’aiuto.
    Paola

Lascia un commento