Ott 24, 2007 - Primi piatti, Riso    12 Comments

Risotto Funghi, Taleggio e Pere

f552cd9574b5a95ec5799ce0852b8a34.jpg

Le nonne hanno sempre i proverbi pronti: pur di avere ragione chiamano in soccorso la saggezza popolare… Almeno così fa la mia e siccome tutto il mondo è paese… (oh, il proverbio è contagioso, come lo sbadiglio, basta che se ne parli che non puoi non citarne uno!).
Una volta qui era tutta campagna. L’avrò sentita 357 volte: più o meno tutte le volte che ci affacciamo insieme dalla finestra del tinello. E siccome un proverbio tira l’altro va a finire che ne snoccioliamo un pò, manco fossero le preghiere del rosario.
– Sono le cinque bella di nonna, la vuoi fare la merenda? (beh per mia nonna ho sempre 6 anni). Ma come faccio a dire di no. Mi ricordo di quando ero bambina e facevo merenda sul tavolo del tinello mentre mi guardavo Candy-Candy.
– Grazie nonna, che c’è di buono.
– La vuoi una pera con un pezzettino di formaggio? E’ buono: il proverbio dice “al contadino non lo far sapere quanto è buono il formaggio con le pere”.

E’ vero.

INGREDIENTI: per 4 persone
320 g di riso
200 g di taleggio
200 g di finferli o pioppini
1 pera
1 cipolla piccola
1 rametto di rosmarino
1 lt di brodo vegetale
4 cucchiai di parmigiano grattugiato
vino bianco secco (ho usato il frascati superiore)
80 g di burro
sale, pepe macinato al momento

TEMPO DI PREPARAZIONE:
40 minuti

PREPARAZIONE:
Ho preparato il brodo vegetale.
Ho lavato i funghi e li ho passati in padella con 30 g di burro e poco rosmarino. Ho spento il fuoco solo dopo che l’acqua dei funghi era evaporata tutta. Ho salato e pepato i funghi. Ho tenuto in caldo.
Ho tagliato il taleggio e la pera in pezzetti.
Ho sbucciato e tritato finemente la cipolla e l’ho fatta imbiondire in un tegame capiente con 30 g di burro. Ho unito il riso, ho atteso che si tostasse un pò e poi ho aggiunto 1/2 bicchiere di vino bianco. Ho fatto evaporare il vino e poi ho aggiunto 2 mestoli di brodo vegetale bollente. Ho portato a cottura il riso aggiungendo, via via, il brodo necessario. A cottura del riso ho aggiunto il taleggio e la pera. Ho mescolato. Ho aggiunto i rimanenti 20 g di burro e il parmigiano.

BEVIAMOCI SU: lo stesso vino usato per prepararlo.

Risotto Funghi, Taleggio e Pereultima modifica: 2007-10-24T23:35:00+00:00da paola_sq
Reposta per primo quest’articolo

12 Commenti

  • Che bontà!adoro tutti gli ingredienti,questo é il mio risotto ideale!

  • Quello che mi viene da dire, in tema di proverbi, è “una pera non fa primavera…”, ma non disperiamo… un piatto ardito ma sottile direi, senza mettere in mezzo candy-candy. anche se il taleggio, formaggio a tendenza dolce, non contrasta il dolce della pera e più che altro crea un effetto ton-sur-ton… è per questo che tale formaggio si abbina spesso con il radicchio, amaro. forse in un risotto così ben progettato sarebbe interessante sperimentare una diversa associazione, tipo un pecorino romano, di quello con la lacrima, o addirittura un erborinato, tipo roquefort..

  • Provato ieri….un successone!! Davvero buonissimo, grazie mille!!

  • Irene: Nooooooo. Coraggiosa a provare una delle mie ricette!

    Paola

  • …deve essere davvero molto buono ma …quando aggiungo i funghi?? 🙂

  • rosy: all’ultimo, poco prima di impiattare e servire: sono già cotti. Buon appetito…

    Paola

  • Cucino spesso il risotto,è più impegnativo della pasta ma dà più soddisfazione,poi sisa ,per un lombardo polentone il riso è vita,a me,e anche a mio figlio, piace con la salsiccia,oltre alla cipolla io faccio rosolare con pochissimo extrevergine anche un pezzo di carota e un pò di porro,poi metto la salsiccia e la faccio imbrunire,a quel punto butto il riso, poi verso un mezzo bicchiere di vino bianco e lascio tostare finchè il vino non è evaporato,poi aggiungo il brodo fatto col dado fino a cottura,a fuoco spento metto una noce di burro e faccio mantecare,mio figlio è entusiasta di questo risottino.

  • Carlo: è bello cucinare per chi si ama, vero? Ed è meraviglioso vedere che quello che abbiamo preparato viene apprezzato. E’ una soddisfazione che la vita ci concede…

    Paola

  • ma perchè non siete precisi quando scrivete le ricette? Che fine fanno i funghi messi da parte visto che non sono stati più menzionati? Si aggiungono A fine cottura nel riso o sono solo da contorno?
    Grazie per la risposta!

  • Anna: non è che lo faccio apposta a non scrivere le ricette precise. Anzi… mi sforzo sempre di essere molto chiara e di svelare qualche “trucco”, ma certe volte si sbaglia. E stavolta mi sono dimenticata di menzionare i funghi. I funghi, già cotti precedentemente, si devono aggiungere solo poco prima di impiattare. Spero di averti risposto in tempo utile.

    Paola

  • ciao a tutti..mi presento..sono un musicista…lavorare in cucina era l’ ultimo dei miei pensieri…ma per la famiglia questo e altro…l’ esperta di casa è mia moglie…è bravissima ai fornelli…io mi definisco più un rifinitore…dei risotti. Ho scoperto questo sito e ne sono rimasto subito affascinato scoprire sfumature di pensieri anche su di una sola ricetta….è gioia e musica

  • Salvatore: non sono musicista, ma la musica mi accompagna sempre e so a cosa ti riferisci quando parli di “sfumature” (sia in campo musicale che in quello culinario). In fondo, però, il concetto delle sfumature è applicabile in tutti i campi: sono i dettagli che fanno la differenza…

    Paola

Lascia un commento