Nov 15, 2007 - Uova    16 Comments

Uova al Tegamino con Tartufi

40741b6a5b16f844aa3f3c2c19298760.jpg

Io: nonna sai, ho fatto un sito internet di cucina.
Mia Nonna: Tu! Ma almeno le sai fare due uova al tegamino?
Io: Beh, e che ci vuole. Fammi una domanda più difficile.
Mia Nonna: E dimmi come le fai ‘ste uova al tegamino

 

Non le sapevo fare!!!

 

INGREDIENTI: per 4 persone
8 uova
1 tartufo
50 g di burro
50 g di parmigiano intero
pepe bianco
sale

 

TEMPO DI PREPARAZIONE:
40 minuti

 

PREPARAZIONE:
Ho pulito il tartufo. Ho fatto sciogliere 20 g di burro in una casseruola. Ho suddiviso il burro rimasto in 4 tegamini e li ho messi sul fuoco per far sciogliere il burro. Sciolto il burro, fuori dal fuoco, ho rotto 2 uova in ciascun tegamino, ho salato e pepato, c’ho “spezzettato” sopra il tartufo e il parmigiano. Sopra tutto ho versato il burro fatto sciogliere precedentemente nella casseruola. Ho messo i tegamini in forno già caldo a 180 °C per circa 10 minuti

 

BEVIAMOCI SU: Muller Thurgau

 

COMMENTO PERSONALE: ma quanti modi esistono per fare le uova?! La “casualità” di sfogliare il ricettario al “capitolo” uova mi ha dato modo di farmi una cultura:
UOVA AL TEGAMINO (O SUL PIATTO): nel forno a 230 °C mettere i tegamini dove è stato fatto sciogliere del burro, sono state rotte le uova, si sono salate e sopra le quali si è versato del burro fuso. L’uovo è cotto quando l’albume sarà leggermente coagulato mentre il tuorlo rimarrà giallo brillante.
UOVA ALLA COQUE: le uova vanno messe in acqua bollente con tutto il guscio per 2-3 minuti.
UOVA SODE: le uova vanno messe in acqua bollente con tutto il guscio per 8-10 minuti.
UOVA BAZZOTTE: le uova vanno messe in acqua bollente con tutto il guscio per 5-6 minuti.
UOVA ALL’OCCHIO DI BUE: si fa sciogliere il burro nei tegamini e quando è spumeggiante ci si rompono le uova e si fanno cuocere per 4 minuti.
OMELETTE: sbattere le uova in una terrina e salare. Far sciogliere del burro in una terrina e versarvi sopra le uova sbattute. L’omelette deve essere leggermente dorata all’esterno e «bavosa» all’interno.
UOVA FRITTE: in una padellina dove si fa scaldare l’olio si rompono le uova e con un cucchiaio si porta rapidamente l’albume sul tuorlo affinché questo ne rimanga racchiuso.
UOVA IN CAMICIA (O AFFOGATE): in una casseruola si fa bollire dell’acqua, poi si abbassa il calore al minimo e vi si rompe un uovo nel punto dove si produce una debole ebollizione. Le uova si lasciano nell’acqua per 3-4 minuti.
UOVA STRAPAZZATE: sbattere leggermente le uova in una terrina con sale e pepe. Metterle in una padellina dove era stato fatto sciogliere del burro e far cuocere le uova a fuoco leggero girandole continuamente con un  cucchiaio di legno. Tolte dal fuoco aggiungervi delle scaglie di burro amalgamando bene.


Ti può interessare anche:

Tortino al Tartufo

Ravioli Bianchi al tartufoStracciatellaTartufi

Uova al Tegamino con Tartufiultima modifica: 2007-11-15T19:05:00+00:00da paola_sq
Reposta per primo quest’articolo

16 Commenti

  • Personalmente adoro le uova all’occhio di bue!
    vi consiglio anche le uova con il baccalà, una favola
    provatela e poi mi dite:
    http://www.trovaricette.net/ricetta/1407/secondi/on/Baccal%E0_con_uova.html

    ciao buon appetito!

  • Uova e tartufo stanno proprio bene.
    A me piace l’uovo a occhio di bue, con il bianco ben cotto e il tuorlo aggiunto solo alla fine, appena scaldato, per intingerci il pane.

  • Ho scoperto il tuo sito, dando una sbirciatina veloce, alla copertina virtuale del Gambero rosso ed è stata una bella scoperta: complimenti.
    Dimenticavo: per fugare ogni residuale scetticismo di tua nonna, ti consiglio di deliziarla con qualche assaggio dei tuoi piatti che ho appena intravisto frettolosamente.
    Ciao

  • @trovaricette: grazie del consiglio. Non c’è dubbio: proverò.
    @Max: Ah, ma allora sei un intenditore. Anche a me piace intingere il pane nel rosso dell’uovo.
    @lenny: Grazie mille per i complimenti. Ma ho visto che anche tu non scherzi mica! Per mia nonna: temo non ci siano speranze!!!

  • Il vero uovo al tegamino si dovrebbe fare cuocendo prima l’albume e aggiungendo il tuorlo solo alla fine. Ma chi lo fa così? Io no :-PPPP

  • Per le uova in camicia: se si aggiungono alcune gocce d’aceto nell’acqua si facilita la coagulazione e sarà più facile ottenere un uovo dalla forma “composta”, a tal scopo sarebbe utile aprire l’uovo in un mestolino e poi versarlo delicatamente in acqua…..Stupidaggini, ma evitano brutte figure! 😉

  • @Pier: come sempre i tuoi commenti mi piacciono moltissimo. Ho cliccato sul tuo nome ma dice che la pagine non esiste più. Che hai fatto?
    Paola

  • non c’è che dire, davvero un bel sito…..

  • @Vincenzo: non c’è che dire, era ora che venissi a visitare il mio sito!!!

  • Complimeti per le ricette e per il blog, molto molto interessante. Bellissime le presentazioni di ogni ricetta e vogliamo parlare delle foto? Diciamo che mettono appetito. Amo cucinare e viaggiare, quindi ci sono i due “ingredienti” che adoro!!! Ho provato il tortino di cioccolato……….BUONISSIMO!!

  • A Lucia: grazie mille per i complimenti… che fai delle anticipazioni su ricette non ancora postate?

    Paola

  • Ma insomma, come funziona questo delizioso blog? Mi sembra di capire che qui qualcuno ha dei canali preferenziali! Ho cliccato ovunque per trovare questo “buonissimo” tortino di cioccolato, ma ho scoperto che non c’è!!! Cos’è, una prova psicologica ordita ai danni delle nostre papille gustative?

  • credo sia un errore madornale fare le uova al tartufo cuocendole con già sopra il tartufo.Per me è obbligatorio aggiungere il tartufo a cottura ultimata prima di servire in modo tale che il profumo resti integro.(il tartufo si mangia più con il naso che con la bocca.)

  • stefan: diciamo che dipende dal tipo di tartufo. I tartufi sono molto diversi tra loro, come sono molto diversi i loro prezzi e il loro uso in cucina… il tartufo a cui ti riferisci tu è sicuramente quello bianco (pregiatissimo) che più che altro trasferisce ai cibi il suo profumo, e in effetti si consuma crudo affettandolo direttamente sulla portata. Il tartufo nero, viceversa sopporta molto bene anche brevi cotture,e proprio per questo motivo è molto utilizzato nei brodi, sulle focaccia, e in moltissime altre ricette…

    Paola

  • poraccio .non sapevi manco fare le uova al tegamino !!!!

  • buon blog-aniversario: io no! Tu invece sei nato imparato?! 🙂

    Paola

Lascia un commento