Nov 30, 2008 - Carni    4 Comments

Arrosto di Arista Bardata

Arista arrosto modificatascritta2.jpg

Bardare: avvolgere la carne con fette di pancetta, lardo o prosciutto allo scopo d’insaporirla ed evitare che si asciughi troppo.

Glassare l’arrosto: bagnare la carne con il sugo lucido e chiaro del fondo di cottura.

Deglassare: ammorbidire i fondi di cottura di arrosti aggiungendo acqua, vino o brodo, per ricavarne un sugo o una salsa.

Ecco! Questo era solo per dire che troppe volte le ricette sono scritte in modo incomprensibile ai non addetti ai lavori, ma che i gesti di un grande chef sono identici a quelli della nonnetta…
Per preparare questo piatto è necessario “deglassare”, “glassare” e “bardare”… e che sarà mai! Molto spesso le cose sono più semplici di quello che sembrano…

INGREDIENTI: per 6 persone
1 kg di arista di maiale
8 fettine di lardo
vino bianco secco
alloro, salvia,origano,rosmarino

TEMPO DI PREPARAZIONE:
2 ore e mezza

PREPARAZIONE:
Ho avvolto il pezzo di arista nelle fettine di lardo e ho legato il tutto con dello spago da cucina. L’ho messo in una pirofila da forno, ho bagnato con n pò di vino bianco e ho aggiunto tutti gli odori. Ho messo in forno preriscaldato a 200°C per circa 60 minuti, aggiungendo il vino di tanto in tanto e girando la carne almeno una volta. Nel girare la carne ho prestato particolare attenzione nel non bucherellarla con la forchetta.

Arrosto di Arista Bardataultima modifica: 2008-11-30T15:09:00+00:00da paola_sq
Reposta per primo quest’articolo

4 Commenti

Lascia un commento