Feb 15, 2009 - Verdure    17 Comments

Scarola e Patate con Olive, Pinoli e Alici sott’olio

ricette,foto,fotografia,cucina,scarola,patate,olive

<<… non bisogna dimenticare che il corpo deperisce, che gli amici muoiono, che tutti ti dimenticano e che la fine è solitudine. E neppure bisogna dimenticare che quei vecchi sono stati giovani, che il tempo di una vita è irrisorio, che un giorno hai vent’anni e il giorno dopo ottanta. Colombe crede che è possibile “affrettarsi a dimenticare” perché la prospettiva della vecchiaia per lei è ancora lontanissima, come se la cosa non la riguardasse. Io ho capito molto presto che la vita passa in un baleno guardando gli adulti attorno a me, sempre di fretta, stressati dalle scadenze, così avidi dell’oggi per non pensare al domani… In realtà temiamo il domani solo perché non sappiamo costruire il presente, e quando non sappiamo costruire il pesente ci illudiamo che saremo capaci di farlo domani, e rimaniamo fregati perché domani finisce sempre per diventare oggi, non so se ho reso l’idea.
Quindi non bisogna affatto dimenticare. Occorre vivere con la certezza che invecchieremo e che non sarà né bello né piacevole né allegro. E ripetersi che ciò che conta è adesso: costruire, ora, qualcosa, a ogni costo, con tutte le nostre forze. Avere sempre in testa la casa di riposo per superarsi continuamente e rendere ogni minuto imperituro. Scalare passo dopo passo il proprio Everest personale, e farlo in modo tale che ogni passo sia un pezzetto di eternità.
Ecco a cosa serve il futuro: a costruire il presente con veri progetti di vita.>>

Tratto dal libro “L’eleganza del riccio” di Muriel Barbery

INGREDIENTI: per 4 persone
1 cespo di scarola (circa 800 g)
400 g di patate
50 g di olive taggiasche snocciolate
40 g di pinoli
6 filetti d’acciuga sott’olio
2 spicchi d’aglio
peperoncino
4 cucchiai di olio extravergine di oliva
sale, pepe

TEMPO DI PREPARAZIONE:
60 minuti

PREPARAZIONE:
Ho lessato le patate con la buccia per 30 minuti, le ho scolate, lasciate raffreddare, sbucciate e tagliate a tocchetti.
Nel frattempo che le patate cuocevano ho pulito e lavato la scarola.
Ho sbucciato l’aglio e l’ho rosolato leggermente in un tegame con l’olio, ho unito la scarola, le patate a tocchetti, il peperoncino e il sale.
Ho proseguito la cottura a fuoco medio per 10 minuti circa, poi ho aggiunto le olive e le acciughe sgocciolate e spezzettate. Ho amalgamato bene e ho spento il fuoco dopo circa 2 minuti. Ho fatto tostare i pinoli in un tegame antiaderente senza aggiungere alcun condimento. Ho unito il tutto e ho servito.

 

Ti può interessare anche:

Teglia di Patate e FunghiPizza di Scarola

Scarola e Patate con Olive, Pinoli e Alici sott’olioultima modifica: 2009-02-15T17:05:00+00:00da paola_sq
Reposta per primo quest’articolo

17 Commenti

  • la scarola è una verdura che non uso moltissimo se non con la pizza:-) deve essere buona questa minestra con le patate:-)
    Annamaria

  • l’abbinamento patate e scarola mi piace molto, ho gia copiato la tua ricetta un bacio

  • Vabbe’ Paola: hai vinto 3 a 0 contro la mia scarola 😀
    Ottima, la prossima volta provo la tua variante…..
    Jacopo

  • Veramente interessante la proverò di sicuro Saluti Denis

  • Sapersi fermare qualche momento della giornata per assaporare l’oggi, anche se poi si deve riprendere a correre, penso sia il segreto per riempire la nostra corsa di momenti magici. Imparare a cogliere l’attimo anche nello stress. In fin dei conti non possiamo vivere 24 ore di consapevolezza, ma costruire in queste 24 ore delle pause in cui fermiamo le nostre sensazioni e cerchiamo di coglierne l’essenza, è un formare ricordi piacevoli che si possono ripetere nel tempo, riconoscere dagli odori, dai gusti, come nella tua cucina.
    Ottima la scarola con le patate, noi non cuciniamo la scarola, ma la condiamo a crudo e ci buttiamo sopra le patate bollenti.

  • Un insalata particolare ma dai sapori decisi…..sarà sicuramente buonissima buona settimana ciao Luisa

  • Che bella questa ricettina, io adoro le verdure.
    Semplice ma buono!!!

  • mi piace molto il libro e la saggezza che ne traspare, è bella questa tua citazione, da riflettere.
    venendo alla ricetta voglio provarla sembra semplice e saporita.
    ti auguro una buona giornata
    ciao
    marg

  • Cara…. quanto tempo…..
    Ma incinta si sa si ha fame e allora si cerca qualcosa di stuzzicante e di pesante che sicuramente la sera non riuscirai a digerire ma lo mangi lo stesso!
    Gli amici non muoiono e non scompaiono se mai quelle sono vite di passaggio nella tua nelle quali poter curiosare ed imparare…
    Quanto al domani…
    Se il domani non fosse così importante e soprattutto così eterno pensi si farebbero figli…?
    Cavolo mi sa che ti ho fatto venire il diabete con tutto questo dolciume e so che mi prefersci strega….. ma anche questo fa parte di me…
    Un bacio e dilettami ancora con le tue meraviglie.
    hi hi allora sarò un pò strega…. buon lavoro domani!!!!

  • Renata: Le cose da fare, il lavoro, le corse quotidiane, purtroppo ci portano a tralasciare e rimandare. Siamo spesso troppo stanchi per porci domande le cui risposte sincere richiderebbero cambiamenti.

    Marg: le occasioni per riflettere sono infinite, certe volte vengono dalle pagine di un buon libro.

    Irene: se non sbaglio sei entrata nel nono mese di gravidanza. Considerato che i primi due anni di vita del bimbo le donne sono concentratissime nella cura del “nido”, io e te possiamo riaprire le comunicazioni verso la primavera del 2011. Ovviamente scherzo, ma ti preferisco pungente e critica. Se non sbaglio non sono la sola che ti preferisce così!

    Paola

  • cara! quanto tempo che non visitavo il tuo blog! sai con il bambino i tempi sono stretti, ma mi organizzerò per rimettermi in riga…….
    guarda il caso ho proprio la scarola a bagno e questa ricetta mi gusta, dovrò adattarla a me nel senso che aglio e peperoncino non posso usarli x l’allattamento..ma abbonderò di acciughe e olive!!!
    a presto…salutami Ale!!

  • Marianna: carissima! ben tornata tra noi… avrai molto da fare per recuperare, ché qui siamo andati avanti…
    Per quanto riguarda la ricetta: modificala come ti pare, ché ho scoperto che cucinare per donne in gravidanza e in allattamento è una vera Tortura: e questo no, e quell’altro nemmeno, questo mi fa il latte amaro, con quello rischio la toxoplasmosi… ma prima o poi dovete venire a cena…
    I saluti ad Ale? Fatto!

    Paola

  • Ricetta fantastica, volevo dirti che l’ho provata mesi fa e la rifaccio spesso. Sapori liguri o siciliani….

  • Angelwitch: direi un mix. Scarola e patate è senz’altro un piatto nordico (non ho mai assaggiato scarola a casa di mia nonna siciliana) ma pinoli e alici sono senz’altro una contaminazione siciliana, d’altra parte… ce l’ho nel sangue!

    Paola

  • Sì, direi un mix… io invece ho mamma genovese e uso moltissimo pinoli olive e alici. Vedo che consigli infatti le taggiasche ma viene benissimo anche con le verdi!In Liguria si usa più la lattuga direi in Campania la scarola forse. Anche ora sto facendo questa tua bella ricettina, grazie davvero per le tue ricette io, dicono, sono una cuoca ottima ma, oltre ad inventare, adoro provare le ricette degli altri. Tra l’altro sono vegetariana e trovo moltissimi piatti di verdura…. amo anche molto cucinare indiano. Ciao e complimenti ancora!

  • Angelwitch: e me lo dici così che sei un’ottima cuoca con molta fantasia? Se ti va potresti passarmi qualche ricettina (una ogni tanto, senza impegno), che io rifarei seguendo passo passo i tuoi consigli e poi pubblicherei sul blog. Fammi sapere se ti va, così ti mando un’e-mail.

    Paola

  • Ma molto volentieri Io passo sempre ricettine veloci e facili, (quelle che servono di più, vero?) ma che facciano la loro buona figura anche in una cenetta amichevole. Quelle più complicate solo a chi ha tempo e voglia di cimentarsi ogni tanto… Ne ho giusto due, una di carne che somiglia un po’ alla tua come ingredienti e una tradizionale ligure che però non è facile trovare nei libri così. A risentirci!

Lascia un commento