Mar 21, 2009 - Antipasti, Picnic    5 Comments

Gateau (o Gattò) di Patate

 

Gattò modificatascritta.jpg

 

 

Partenze… Arrivi… Ritorni…
Settimana fuori casa (per lavoro). Finita (finalmente). Settimana di riunioni. Di programmazioni. Di condivisioni. Di cambiamenti…

Cambiamenti… linfa vitale per alcuni, presagio di disavventure per altri.
Non posso immaginare quello che passa nella testa di chi si spaventa del cambiamento (e lo evita come la peste bubbonica) perché sto con quelli per cui i cambiamenti sono linfa vitale.
Sempre.
Elimino gli automatismi e studio nuovi processi, nuove difficoltà da superare, nuove soluzioni.
Mi rimetto in gioco.
Mi piace… Certo, ci sarà da lavorare parecchio almeno fino alle ferie estive, ma lavorare non mi ha mai preoccupato.
Quello che mi spaventa è la noia, la mancanza di stimoli.
Mi ricordo benissimo che da bambina m’annoiavo, e mi ricordo che già allora ero riuscita a capire il meccanismo perverso della noia. Succedeva quando finivo presto di fare i compiti o, ancor di più, nel periodo estivo. Non avevo niente da fare e mi mettevo a guardare la tv. M’annoiavo, e più m’annoiavo più m’impigrivo. Così se qualcuno mi proponeva qualcosa da fare io dicevo di no. E così mi annoiavo ancora di più!
L’ho imparato da bambina: la tv annoia… e impigrisce…

Passando alla ricetta –
Il gateau (ma visto che siamo italiani oserei scrivere gattò) è uno sformato di patate; adatto come antipasto, come contorno o come piatto unico. Assodato questo direi che poi possiamo spaziare con la fantasia e arricchirlo con gli ingredienti che ci pare…

Il sabato e la domenica non lavoro (a parte casi eccezionali) e mi piace dormire fino a tardi. Ma stamattina mi sono svegliata abbastanza presto lo stesso.
Per cui, vista l’ora…
e considerando l’ottimismo di un fine settimana ancora tutto da vivere…
ho deciso per un risveglio lento e dolce con loro due:

 


INGREDIENTI: per 4 persone
400 g di patate a pasta gialla
50 g di prosciutto cotto in una fetta
60 g di caciocavallo
8 fettine di pancetta affettata sottilmente
10 g di parmigiano grattugiato
20 g di burro
20 g di pan grattato
1 cucchiaino di sale
pepe nero da mulinello

PREPARAZIONE:
60 minuti

PREPARAZIONE:
Ho messo le patate in una pentola con l’acqua fredda e le ho lasciate lessare per trenta minuti dall’inizio del bollore. Quindi le ho sgocciolate, sbucciate e, ancora calde,  le ho schiacciate grossolanamente con la forchetta.
Ho tagliato a dadini il prosciutto e l’ho fatto arrostire in una padella antiaderente (senza condimenti) per 4-5 minuti.
Ho unito il prosciutto alle patate, ho aggiunto il caciocavallo grattugiato, il parmigiano, ho aggiustato di sale e pepe e mescolato.
Ho ricoperto tutta la pirofila da forno (la mia era ovale di lunghezza massima 22 cm e larghezza massima 15 cm) con le  fettine di pancetta. (Se preferite senza pancetta è necessario imburrare e passare di pangrattato la pirofila). Ho riempito la pirofila con il composto di patate e l’ho compattato. Ho cosparso sulla superficie del pangrattato. Ho cotto in forno già caldo a 200° C per 10-12 minuti, finché la superficie era completamente dorata. Il gattò si sforma quando è diventato freddo.

Gateau (o Gattò) di Patateultima modifica: 2009-03-21T09:51:00+00:00da paola_sq
Reposta per primo quest’articolo

5 Commenti

  • Anche io la penso come te… senza novità o stimoli mi annoio, indi mi impigrisco irrimediabilmente, mi riannoio e viceversa, un pò come il gatto che si morde la coda….. ottimo il Gattò soprattuto col vestito!! ^_^
    buona domenica…

  • Cavoli…. oggi l’ ho preparato…. e io e mia moglie l’abbiamo ” disintegrato ” , meno male che le porzioni erano per quattro !
    Fantastico !

  • complimenti!dalla foto! sembra squisito.ciao

  • in sicilia il procedimento e’ diverso : bollite e passate al setaccio le patate , si mescolano col burro e le uova frullate , si aggiunge il formaggio . Quindi il composto si divide in 2 parti . Si unge d’ olio il fondo di 1 teglia . si mette una parte del composto (patate) , quindi si versa un buon ragu’ ristretto , delle fette di melanzane fritte , un po’ di
    prosciutto cotto . Si copre col resto delle patate . Si mette del pangrattato e si pone la teglia in forno caldo 200° sino a cottura : il
    gatto’ fa la crosticina e imbiondisce !!!

  • sembra davvero troppo buono!

Lascia un commento