Apr 29, 2009 - Picnic, Primi piatti    7 Comments

Gnocchi Gratinati ai Tre Formaggi

 

 

gnocchi modificatascritta1.jpg

 

 

Ulisse parte e Penelope lo aspetta driblando le avance dei Proci.
Nasce il mito della donna da sposare… (mica di Ulisse).
Eterea, furba (furbizia da usare ad esclusivo beneficio del marito), adorante, bella, incurante delle cose pratiche (che delega al marito o ai figli maschi), innocente, servile (come fare a dimenticare che abbiamo perduto il paradiso terrestre a causa di una donna intraprendente?).
Nasce il mito dell’angelo del focolare. Della geisha che con la bellezza e il talento artistico distrae l’uomo dai suoi mille problemi pratici…


Poi passano i secoli e… il mito della donna da sposare è ancora quello!

…Non per tutti, ovviamente…

Lui la cantava già nel 1978, ma lui sta avanti…

 

 

 

E che ci posso fare se mentre cucino passano certe canzoni alla radio? Tu sei lì che prepari gli gnocchi e pensi “stavolta poi li passo al forno e li faccio gratinare con fontina, parmigiano e scamorza”, e certe canzoni ti fanno fare certe considerazioni…

INGREDIENTI: per 4 persone
1 kg di patate bianche
2 tuorli
200 g di farina bianca (più o meno)
100 g di burro
200 g di fontina valdostana
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
200 g di scamorza
2 cucchiai di pan grattato
noce moscata
sale

TEMPO DI PREPARAZIONE:
90 minuti

PREPARAZIONE:
Dopo aver sciacquato le patate le ho messe in una casseruola coperte di acqua fredda e le ho fatte lessare. Le ho scolate, sbucciate e, ancora calde, le ho passate allo schiacciapatate (facendo cadere il passato sulla spianatoia): ho aggiunto sale, pepe e noce moscata e i tuorli.
Ho mescolato bene gli ingredienti. Poi ho aggiunto a poco a poco 2 terzi della farina, amalgamandola man mano con la punta delle dita. Ho impastato a piene mani fino ad ottenere una pasta liscia e omogenea unendo, se necessario, ancora un pò di farina.
Ho tagliato gli gnocchi e li ho passati su una forchetta per creare delle scanalute “acchiappa-condimento”.
Certo: se il tempo stringe, gli gnocchi si possono comprare già pronti.
Ho cotto gli gnocchi in acqua salata e li ho scolati appena affioravano in superficie.
Ho grattugiato la fontina e la scamorza.
In una ciotola ho mescolato 2 cucchiai di parmigiano, 2 di pangrattato, un pizzico di noce moscata.
Ho sistemato uno strato di gnocchi ancora caldi in una pirofila da forno imburrata, cospargendoli  di fiocchetti di burro, fontina e scamorza grattugiate e il mix di parmigiano grattugiato.
Ho proseguito formando un altro strato di gnocchi e di condimenti fino a esaurimento degli ingredienti. Sull’ultimo strato, sopra il mix di parmigiano, ho cosparso dei riccioli di burro. Ho infornato nel forno già caldo a 200° C per 10-15 minuti.

 

Ti può interessare anche:

Tagliolini al LimoneStrangozzi Porri e CodeLasagne al Pesto

 

Paccheri ripieni di Cime di Rapa

Gnocchi Gratinati ai Tre Formaggiultima modifica: 2009-04-29T20:55:00+00:00da paola_sq
Reposta per primo quest’articolo

7 Commenti

  • sto digitando con fatica i miei dati per scrivere il commento, tale è la mancanza d’energia, perchè tutte le mie forze sono state precettate dalle ghiandole salivari, che sono impegnate a SBAVARE fin dalle prime righe degli ingredienti in modo copioso. AMO GLI GNOCCHI con qualsiasi condimento! Piatto FA-VO-LO-SO sia pur nella sua semplicità! ma spesso le cose semplici sono le più saporite e se gli ingredienti sono di qualità il piatto diventa superlativo…. oooohhhhh : sto svenendo… 😉 ciao Renata (in dieta! 😉

  • Grazie per la ricetta. E’ possibile sotituire uno dei tre formaggi con del gorgonzola oppure rischio di appesantire troppo il tutto?

  • Antonella: sostituire? perché non aggiungere? E’ questione di gusti. Io non ce l’ho messo perché non ce l’avevo.

    Renata: oddio le diete… allora questo piatto per te è veleno. Ma pure tu, scusa, in tempo di dieta vai a girovagare per blog di cucina?! Sarai mica un tantino masochista?!

    Paola

  • Ottima ricetta !
    Anche stavolta mi hai dato una ottima idea !
    Se poi ci fai una” cremina ” sciogliendo a fuoco bassissimo del gorgonzola dolce ( meglio ) in un filo di panna con un briciolo di estratto di carne allora hai una variante che …. beh, saluti ogni dieta 🙂

    🙂

    Battuta : scrivi una ricetta orrenda, che almeno non ricevi solo lodi sperticate :-)))

  • Ah..dimenticavo… personalmente lascio ” riposare” la palla di pasta, appena fatta, un 20 minuti, perde ancora ” acqua”, ed aiuta.
    Così come asciugo le patate dopo cottura, se no molta farina se la “prende” l’acqua”, non la patata….

    Grazie ancora per le ottime ricette !

  • Cara Paola, penso che 70 grammi (sigh!;) potrei anche mangiarli di questi prelibati gnocchi, visto che il resto della mia dieta è alquanto spartano ed ipocalorico : con tutta la verdura che mangio mi sembra che tra poco mi spunteranno la coda e la barbetta, beehhh ciao eh? alla prossima ;DDD Renata

  • E non ne bastava uno? Orrore e disgusto!

Lascia un commento