Mag 13, 2009 - Pasta, Primi piatti    7 Comments

Nidi di Pasta, Cuori di Carciofo e Pancetta

 

Nidi scritta.jpg

 

Ancora lui. Siamo alla sua seconda ricetta e la conoscenza si approfondisce (qui per la sua prima ricetta)… Stavolta m’ha proposto una pasta. E io non mi sono tirata indietro: l’ho preparata e m’è piaciuta. Attendo con impazienza la terza ricetta (chi ha orecchie per intendere, intenda!)

Come l’altra volta ricopio pari pari l’e-mail che ho ricevuto da Piero con la descrizione della sua ricetta perché mi piace il suo modo di “vivere” tra i fornelli:

 

 

“Io la chiamo “pasta alla benevole  pazienza “, perché ci vuole un filo di pazienza, per un risultato che di solito finisce disintegrato dagli amici in 2 minuti.
E’ delicata di sapore ma ….. sparisce.

Okay… io di solito viaggio a teglie, ma do indicazioni per un 4 persone circa .

Ingredienti:
Pasta a matassa,
Carciofi
Pancetta affumicata ( 100 gr )
uova ( 2 )
Limone
sale , pepe,
parmigiano
olio,
brodo
latte

Tempo di preparazione:
60 minuti

Il ripieno : se sono pigro prendo i cuori di carciofo surgelati ( lo faccio… lo so ) , oppure li prendo freschi, tolgo le foglie esterne, dico parolacce per le spine ( una mi scappa sempre..) ,  butto i suddetti in acqua e limone  ( e qui so dove sono stato punto….brucia…). Li scolo, asciugo e taglio a fettine, dopo  avere tolto il fieno, ovvio…

In una padella metto olio e burro, diventano amici, si sciolgono… Ci metto a sguazzare un  ( paio ) spicchio di aglio… Quando si fa dorato lo tolgo, se no … bleah diventa amaro, e ci metto la pancetta a cubetti, , oh… non deve ” rilassarsi”, quindi il fuoco è allegro.  Dopo qualche minuto la pancetta comincia a sentirsi sola, infatti è croccante appena appena, quindi prima che si secchi le mando i carciofi, bene scolati ed asciugati.
Sale, pepe .. ed una carezza di latte, un mezzo bicchiere, diciamo, L’idea è farli cuocere, ed i carciofi hanno bisogno di un 15 minuti circa..
Ah… se ci vuole , un filo di brodo ( vegetale, anche di dado, dai-..)  , ma ricordiamoci che è un ripieno, non una zuppa…. :-)… poi lasciare intiepidire..

Pasta : Se si vuole si usano un paio di matasse di vermicelli, o tagliatelline , per persona. ( di solito poi la persona media ne mangia 3 o 4, imbarazzando …)
Se abbiamo tempo e pazienza magari la facciamo noi, io uso spaghetti alla chitarra messi a cestino…. ma magari non la prima volta, mica così semplice da fare…
In acqua salata ( io preferisco un leggero brodo vegetale ) , usiamo un colino di metallo, per cuocere le matassine senza che si disfino ( se si fa con la pasta fatta in casa …. beh, il procedimento è meno semplice, se vuoi te la spiego )
Appena vedo che la matassina si rilassa ( un paio di minuti, 3 ) la scolo e la metto nella teglia unta di burro.

Siamo quasi pronti : prendo le uova, le sbatacchio con sale e pepe, ci aggiungo i carciofi con la pancetta, un bel pò di parmigiano, Prezzemolo, quanto ti piace….  ah, i carciofi ci vogliono… la pancetta anche, ma ci butti quello che vuoi, se ci pensi…..

Prendi il composto e ci farcisci  i cestini .. Li fissi, chiedendoti se manca qualcosa, poi ti ricordi il perché il forno è a 180 gradi… Allora ci butti dentro la teglia, in attesa che il tutto appaia gradevolmente dorato ( e leggermente gonfio ).

Assicuro che è delicato di sapore, ma mi sa che le dosi sono per  due, va giù che è un piacere.

(spegni il forno !)”

Nidi di Pasta, Cuori di Carciofo e Pancettaultima modifica: 2009-05-13T19:31:00+00:00da paola_sq
Reposta per primo quest’articolo

7 Commenti

  • La ricetta è strepitosa quanto il piatto !!!
    Ma penso che si possa arrivare anche a 5 matassine a persona, visto il risultato 😀
    Una pasta straordinaria !!!!
    BravI !!!!

  • Bello il tuo Blog,ho creato da poco il mio nuovo blog con l’obiettivo di diventare un aggregatore di blog ovvero a suo interno ho creato una vera proprio directory dove vengono linkati i blog per categorie poi chi lo desidera può essere aggiunto come Autore nel mio blog e scrivere pubblicizzando il proprio blog, per maggiori informazioni ti invito a leggere questa pagina http://directorynews.myblog.it/archive/2009/04/27/faq.html#c4447841 se ti interessa contattami direttamente sul blog.
    Cordiali saluti!
    http://directorynews.myblog.it/

  • non ho parole… solo … SLUUUURRRPPPPP ….;P
    uomo da sposare questo !!! eh ?? 😉
    ciao Paola, Renata

  • Renata: oh, sì! E infatti non se lo sono lasciato sfuggire!

    Paola

  • Beh…grazie….mia moglie mica è tanto d’accordo, tendo a parlare in giapponese, quando dormo, :-))))

  • E per chi non c’ha un filo di pazienza? Una variante buoona e magari anche col pomodoro (la besciamella mi sa di no, vero?) ma un filino più veloce da preparare… per le donne che lavorano! (si fa per dire)

  • a Filomena: eh, le donne che lavorano… ne so qualcosa! Allora per sbrigarti, puoi pensare di seguire la stessa ricetta senza mantenere i “cestini”, cioè permettendo alla pasta di aprirsi durante la cottura; eviterai così di lessarli uno a uno conil colino di metallo (che, in fondo, è l’operazione più lunga). Altrimenti, mantenendo sempre cuori di carciofo e pancetta, puoi preparare delle mezze maniche da lessare mooolto al dente e mettere in teglia ricoperte di besciamella ai quattro formaggi (fai tu: oltre al parmiggiano mettici pure la gruviera, la scamorza e fontina). Certo, questa però è tutta un’altra ricetta! Fammi sapere.

    Paola

Lascia un commento