Ago 30, 2009 - Pasta, Primi piatti    5 Comments

Tonnarelli al Ragù di Rana Pescatrice

Tonnarelli al ragù di rana pescatrice.jpg

 

Mi pare fosse ieri…
ho visto una cosa in tv, oddio… sarebbe più corretto dire che la tv era accesa e distrattamente la ascoltavo mentre ero intenta nella preparazione di questa pasta.
Confesso di non amare molto la tv, non credo possa “arricchirmi” e per passare il tempo mi rivolgo ad altro.
Quindi ogni volta che la accendo sono sempre molto scettica e il 90% del tempo è sintonizzata su canali di musica.
Sicuramente la mia sorpresa nel sentire una cosa carina in tv dipende da questo scetticismo. Ma tant’è…
C’era questo tizio che raccontava ad un tale una storia di un barone locale. Una storia del passato, ma comunque “attuale”.
Questo barone aveva due castelli, entrambi molto belli, e lui era davvero indeciso in quale dei due andare a vivere.
Così si fece costruire una capanna a metà strada tra i due castelli e in modo tale da poterli vedere entrambi. Per decidere meglio.
Il barone passò tutta la sua vita nella capanna (e nell’indecisione) finché entrambi i castelli andarono in rovina.

INGREDIENTI: per 2 persone
200 g di pasta all’uovo tonnarelli
200 g di polpa di rana pescatrice
1/2 cipolla
1 carota piccola
1 costa di sedano piccola
vino bianco secco
timo fresco (o buccia di limone grattata)

olio, sale

TEMPO DI PREPARAZIONE:
60 minuti

PREPARAZIONE:
Ho preparato un trito finissimo di cipolla, sedano e carota. Ho fatto soffriggere il tutto con un giro d’olio in una padella di alluminio non antiaderente. Quindi ho abbassato la fiamma e ho aggiunto la polpa di rana pescatrice tagliata a cubetti. Ho atteso che il pesce si cuocesse, ho alzato la fiamma e ho sfumato con il vino bianco. Ho atteso che tutto il vino evaporasse e ho aggiustato di sale e spento la fiamma. Nel frattempo ho portato a bollore l’acqua per la pasta, l’ho salata e ho immerso i tonnarelli. Un minuto prima di completare la cottura della pasta, l’ho scolata con il forchettone direttamente nella padella con il ragù di pescatrice, ho riacceso la fiamma e ho completato la cottura della pasta nel suo condimento aggiungendo 2 mestoli di acqua di cottura (ma questo dipende dallla fiamma che si usa, quindi ne possono servire di meno o di più). Ho spento il fuoco e cosparso di foglioline di timo (in assenza del timo fresco si può optare per la scorza di limone grattugiata).

Tonnarelli al Ragù di Rana Pescatriceultima modifica: 2009-08-30T19:57:00+00:00da paola_sq
Reposta per primo quest’articolo

5 Commenti

  • trovo che questo piatto sia stupendo!! la foto mette l’acquolina e gli ingredienti lo rendono un piatto leggero e gustoso!

  • Ciao,
    bella ricetta, leggera e gustosa; dopo aver sfumato con il vino bianco, per ottenere più gusto, postresti aggiungere un cucchiaio di brodo di pesce.
    E’ la prima volta che passo di qui, ci vedremo spesso, mi piace quello che posti, non solo di cucina.
    A presto
    Flavio
    http://www.ristorantepesce.com/

  • Ciao Paola, è la prima volta che passo di qua, ho fatto un giro e ho trovato molte cose piacevoli, non solo di cucina.
    La ricetta dei tonnarelli è sfiziosa; e la coda di rospo, difficilmente viene utilizzata, brava. Se vuoi dare più gusto al ragù, ti consiglio di aggiungere un cucchiaio di brodo di pesce, dopo aver sfumato con vino bianco.
    A presto
    Flavio

  • Paola,sono passato di qui, ho letto diversi post molto interessanti, non solo di cucina. Complimenti per i tonnarelli, e per aver scelto la pescatrice, non è un pesce molto diffuso; comunque se vuoi dare più gusto al ragù, dopo aver sfumato con il vino bianco, dovresti aggiungere un cucchiaio di brodo di pesce, detto comunemente “fumetto”;
    a presto
    Flavio

  • E’ terribilmente invitante questo piatto, la foto è cosi’ bella che sembra di toccarlo!!Grande fame…!!Complimenti.sally

Lascia un commento