Nov 10, 2009 - Primi piatti, Uova, Zuppe    8 Comments

Stracciatella

Stracciatella.jpg

Uno dei piatti meno fotogenici con cui mi sia trovata ad avere a che fare. Avevo quasi rinunciato a postarla… ma oggi ho trovato l’ispirazione e riesco a metterla a suo agio. Sorride un pò, si lascia andare e appare meno snob.
Come tutti i piatti della tradizione ha bisogno di competenza e precisione (quasi come con la pasticceria). Il brodo deve essere ottimo. E quando dico ottimo intendo dire che è vietato farlo di dado; e sapido al punto giusto (qui conta solo l’esperienza… o assaggi ripetuti).

Penso ad un menù d’altri tempi (quando era tutto orientato alla massima resa e a minimizzare gli sprechi): stracciatella e bollito misto (qui). E il dessert? non c’è che l’imbarazzo della scelta… io farei qualcosa con il cioccolato (qui).

INGREDIENTI: per 4 persone
1 pugno di parmigiano grattugiato
1 pugno di pan grattato
3 uova
1 e 1/2 lt di brodo (carne o vegetale)
sale

TEMPO DI PREPARAZIONE:
20 minuti

PREPARAZIONE:
Ho portato a ebollizione il brodo. Nel frattempo, in una terrina, ho mescolato le uova con il parmigiano grattugiato, il pan grattato e il sale. Ho unito 2 mestoli di brodo per ottenere una bella cremina che ho versato dentro il brodo in ebollizione. Ho mescolato con la frusta.
Pronta. Be’, chi avesse anche un tartufo…

Stracciatellaultima modifica: 2009-11-10T21:25:00+00:00da paola_sq
Reposta per primo quest’articolo

8 Commenti

  • La straccitella è uno dei miei piatti preferiti… chissà perchè si mangia solo a natale???

  • complimenti per il blog.. sei segnalato su World Info… iscriviti al nostro ring: http://worldinfo.myblog.it/ ti aspettiamo!

  • Ciaoo!! Ho scoperto ora il tuo blog e l’ho messo subito in quelli che seguo… Complimenti per tutto e.. questa stracciatella, scalda l’anima!!! Brava!
    Franci

  • Io la odio….. comunque vorrei dire che molte ricette classiche prevedono una grattatina di noce moscata. Pensierino: avessi un tartufo lo riserverei per delle oneste uova al burro o taglierini. Questa mi è sempre sembrata una di quelle ricette da collegio di suore, ricetta “povera” fatta con gli avanzi ( soprattutto detesto l’aggiunta del pangrattato) fintamente travestita da raffinata. Molto più geniale e appetitosa quella “alla pavese”, almeno in famiglia la chiamavano così, un bel crostone di pane, un uovo in camicia (difficilotto da far bene), formaggio grattuggiato (grana, parmigiano o lodigiano) e su tutto ottimo brodo bollente…

  • Ieri mia madre mi ha fatto ridere facendomi ricordare la fatica che faceva mio nonno a mangiare la polenta. E’ che quando era giovane e povero gli toccava mangiarsela pure a colazione (al posto del pane) abbruscata sulla stufa a legna. E pensare che oggi la polenta si fa nei giorni di festa, quando si riunisce tutta la famiglia.
    La stessa sorte è toccata alla stracciatella. Ha ragione Angelwitch quando dice che è una ricetta povera fatta con gli avanzi, ma proprio questo è il suo fascino (almeno per me).

    Marta

  • Avevo resistito a commentare, per “nostalgia” ma, dopo aver visto i cardi, sono dovuto tornare indietro. La stracciatella è una di quei piatti dell’infanzia che mia nonna materna faceva sempre quando c’era qualcuno in famiglia con qualche linea di febbre. Anche questa, come i cardi, da anni non la mangio, eppure da diversi mesi ne ho una gran voglia (anche perchè me la sono fatta tornare in mente volendone parlare nello spazio sulla cucina romana del mio altro blog, quello “serio” :-D). Il fatto è che fare un bel brodo in estate non pare la miglior cosa, e con questo “caldo”…. Ma a breve la rifarò !!!
    Un bacione, Jacopo

  • la mia bimba di un anno ne va matta! grazie per avermi ricordato la ricetta. michi

  • sarà anche una ricetta vecchia, ma è assolutamente smart!
    Ti va di partecipare con la ricetta della stracciatella alla Parmigiano Reggiano Chef, la gara di ricette a tema smartcooking (riciclo degli avanzi/riduzione degli sprechi/riscoperta degli ingredienti e delle tradizioni dimenticate…)?

    Se si, carica la tua ricetta entro il 9 giugno (che deve essere smart e contenere il Parmigiano Reggiano tra gli ingredienti) su https://apps.parmigianoreggiano.it/prchef/, oppure scrivimi su cattaneo@tribecommunication.it, sarò felice di darti tutti i dettagli!
    a preto
    Letizia

Lascia un commento