Salsa di Peperone Giallo

ricetta,ricette,cucina,foto,peperoni,code di gambero,ravanello,salsa di soia

SCENE DA UN MATRIMONIO

Loro si amano… o forse pensano di amarsi.
Dicono di amarsi. Lo dicono a tutti.
Si promettono amore eterno. Perché è impossibile che questa cosa così grande che riempie i loro cuori possa finire. Forse potrà trasformarsi, evolversi in quella complicità, in quella conoscenza reciproca che solo la quotidianità sa donare. Ma finire no, è impossibile!
Amore, Affetto, Stima, Rispetto… è decisamente impossibile che tutto questo possa finire.

Eppure certe volte finisce tutto. Ma proprio tutto!
E purtroppo molto spesso sono le donne a dare il peggio di sé.
Noi donne, si sa, siamo determinate. E’ un dono di natura necessario per farci strada nella vita, per avere quello che gli uomini ottengono facilmente per diritto di nascita. Qui in Italia poi, abbiamo addirittura bisogno di un “Ministero per le pari opportunità” per sottolineare l’ipocrisia che c’è su questo argomento!
Sì, ma non divaghiamo…
Dicevo della nostra determinazione. Utilissima per portare avanti qualsiasi progetto. Utilissima per mantenere unita la famiglia, certe volte la indirizziamo verso fini meno nobili.
E così quando tutto l’Amore, tutto l’Affetto, tutta la Stima e tutto il Rispetto sono finiti e non c’è più niente da dirsi e ci serve un avvocato per comunicare con il nostro amato ex-marito orientiamo tutta la nostra determinazione contro di lui.
Che se ne sia andato lui o che ce ne siamo andate noi non fa differenza: va punito amaramente. E la nostra proverbiale correttezza verso il prossimo va a farsi friggere… rimaniamo proverbialmente corrette verso tutti gli altri, ma lui va punito. E va punito con quella determinazione che sta a metà tra l’eroismo e la stupidità!
E sì, perché se per punire l’altro prima di tutto puniamo noi stesse non è molto furbo…
La determinazione è determinazione se è supportata da un pensiero razionale e ragionevole.
Faccio degli esempi? OK
E’ furbo rinunciare a farci una nuova vita per poterlo guardare con gli occhi santi delle martiri? Pensiamo alla nostra vita e cerchiamo di essere felici. Perché rinunciare ad essere di nuovo felici solo per poterlo guardare con quello sguardo che solo le martiri hanno?
E’ furbo svuotargli casa e non fargli più trovare neanche le sue cose? Pensiamo alla nostra vita e rendiamola facile e serena. Perché rischiare di complicarcela con una denuncia?
E’ furbo pensare continuamente a cosa fare per farlo incazzare o per rendergli la vita difficile (magari usando tutte le armi legali in nostro possesso)? Pensiamo alla nostra vita e a noi stesse. Perché sprecare la nostra determinazione e le nostre energie per rendere a lui la vita difficile? Piuttosto usiamole per rendere migliore la nostra vita.

Era moto tempo che non compravo Sale&Pepe. Questa ricetta è sul numero di giugno, mi è piaciuta subito. Fresca e colorata è perfetta per il periodo estivo. Ma accompagna egregiamente anche le carni: la prossima bourguignonne avrà anche la salsa ai peperoni!

Ingredienti per 4:
1 peperone giallo
mezzo limone
1 cucchiaio di salsa di soia
200 g di code di gamberi (cotte a vapore)
ravanelli
cuore di sedano
cetriolo
pomodorini
olio extravergine di oliva
sale, peperoncino in polvere

Tempo di preparazione:
45 minuti

Si taglia il peperone a metà e si appiattisce sulla placca da forno (ricoperta con carta forno) con il lato della pelle in alto. Si fa abbrustolire nel grill del forno fino a far diventare nera la pelle. Si toglie dal forno, si lascia riposare per 15 minuti, si sbuccia e si scola dell’acqua che avrà buttato.
Nella brocca del frullatore si mette il peperone, il succo del mezzo limone, un cucchiaino raso di peperoncino in polvere, il sale e la salsa di soia. Frullare fino a far diventare una crema. Poi, come si fa con la maionese, mentre si sbatte la crema ottenuta si aggiunge a filo l’olio extravergine di oliva.
La salsa è pronta per essere mangiata con il pinzimonio, con i gamberi o con la carne.

Salsa di Peperone Gialloultima modifica: 2011-07-07T07:00:00+00:00da paola_sq
Reposta per primo quest’articolo

7 Commenti

  • Avevo adocchiato la ricetta ma ancora non mi ero avventurata a prepararla… certo che a vederla anche qui da te, mi si è accesa una lampadina… devo farla pure io!

  • meravigliosa la ricetta, adoro i peperoni!
    intelligente anche tutto il resto…
    sono una ex moglie che non si è scatenata verso l’ex marito anzi! gli ho lasciato tutto , ma andava bene così
    Oggi sono la compagna di un uomo divorziato… purtroppo l’ex moglie dopo 6 anni ancora passa il suo tempo a trovare stategie per fargliela pagare ( premetto che non l’ha lasciata per me), che fatica… per lei e per noi!
    Ci sarà mai fine?

  • ma quanto mi piace leggerti?..un sacco anche se io non cucino praticamente mai…rientrata dal messico definitivamente in italia ora mi “ciuccio” un mese di india del nord daman…e la cucina e’ favolosamente vegetariana …..come stai?..besos marihellen

  • Uff…vieni a cucinarla a casa nostra???
    🙂

  • E’ da tanto che non venivo a leggerti! L’argomento trattato è molto interessante ed attuale. La nostra incapacità a comunicare il disagio ed a non saper sfruttare la rabbia per trasformarla in una forza costruttiva, per risorgere, anzichè distruttiva continuando non solo la lesione al partner, ma anche a se stessi : è la fonte della propria infelicità.
    Spesso la genera il tradimento o il sentirsi tradite/incomprese.

    Lo sfogo sul partner della propria rabbia è in fin dei conti, se ci pensi bene, disistima in se stessi: ci si sente sconfitti e tale è lo shock che non si trova di meglio che ferirlo il più profondamente possibile per non fargliela passare liscia. Come se il danneggiare la sua proprietà e tormentarlo potesse ricucire lo strappo, lo smacco all’amor proprio subito.

    Ottima la ricetta dei peperoni!

  • Dalle crisi coniugali ai peperoni in effetti il salto è breve… Mi piace questa ricetta anche perchè parli di salsa e non di “riduzione” o “purea” o addirittura letto di crema di peperone giallo…

  • ciao ,
    che belle riflessioni, hai ragione perchè serbare rancore , usiamo le nostre energie e la nostra intelligenza per vivere meglio la nosta vita

    Caterina

Lascia un commento