Nov 5, 2013 - Carni    2 Comments

Stinco alla Birra e Cipolle Confit

Brasserie

Le Brasserie che allungano le loro vetrate sui marciapiedi tipo “giardino d’inverno” o, se siete meno romantici, “chiusura abusiva del balcone”, hanno il fascino della Belle époque, anche se la loro funzione è cambiata negli anni. Brasserie vuol dire birreria (lo so: detto in Italiano perde molto del suo fascino) con produzione artigianale della birra. In pratica ogni brasserie produceva e serviva la propria birra, e, ovviamente era anche possibile mangiare qualcosetta. Nei primi del ‘900 assumono il ruolo dei classici saloon fino a diventare (oggi) degli informali ristorantini francesi in cui (qualche volta) servono ancora della birra artigianale.

Ma la particolarità delle Brasserie è che sono aperte e funzionanti dalla colazione al dopocena. Puoi entrare e sederti anche solo per prendere un caffè alle 10 del mattino, o un tè con una fetta di torta alle 5 del pomeriggio, o una birra con aperitivo verso le 6. Ovviamente pranzi e cene. La ristorazione in Francia ha un concetto molto diverso da quello a cui ero abituata in Italia. Puoi cenare a casa tua e poi andare al ristorante per prendere solo il dessert, nessuno ti manda via o ti guarda come se fossi matto.

Sedersi al tavolino accanto alla vetrata fa un po’ pesce-rosso-nell’acquario, ma, quando fuori è brutto tempo, è una tentazione a cui non si può resistere: entrare, togliersi il cappotto, sedersi e ordinare un bicchiere di vino e guardare gli altri con cappotti, sciarpe e cappelli passarti accanto dall’altra parte del vetro, fa bene all’umore e cambia il verso della giornata.

Palette

Oggi, quindi, uno bello stinco di maiale alla birra, magari una birra artigianale! Serve solo quella che in francese chiamano cocotte: una casseruola dotata di coperchio che puoi cominciare la cottura sul fornello e finirla in forno.

Ingredienti: per 4
4 stinchi di maiale (la spalla del maiale va ugualmente bene)
1,3 kg di cipolle
aromi (timo, maggiorana, prezzemolo, alloro)
1 litro di birra bionda
2 cucchiai di pan grattato
90 g di burro
1 cucchiaio d’olio
sale e pepe

Tempo di preparazione: 3 ore

Preparazione:

  • Preriscaldare il forno a 180° C
  • Pelate e tritate le cipolle e fatele cuocere in una casseruola con il burro e l’olio per 5 minuti.
  • Mettete la carne nella casseruola e fatela colorare in tutti i lati.
  • Aggiungere gli aromi e spolverare con il pan grattato.
  • Versate la birra nella casseruola, coprite e mettete in forno per 2 ore e 45 minuti.
Stinco alla Birra e Cipolle Confitultima modifica: 2013-11-05T14:52:00+00:00da paola_sq
Reposta per primo quest’articolo

2 Commenti

  • Mi piace questo piatto, mi sa proprio di Brasserie calda e fumosa in fredde serate d’inverno. In generale le considerazioni sull’approccio differente alla ristorazione in Francia (ma non solo) rispetto all’Italia, le condivido in pieno. Credo che alla base- al di la’ degli aspetti meramente commerciali- ci sia il fattore clima: in paesi freddi, il desiderio di stare all’aperto e’ soddisfatto da quelli che acutamente definisci “giardini d’inverno” e la cui architettura e’ pensata proprio per evitare quella sensazione di rintanamento che la maggior parte della case- inevitabilmente- trasmette. Da qui quindi la necessita’ di passare molto piu’ tempo alla Brasserie, a bere caffe’, sorseggiare birra, tracannare dolci, ingurgitare maiale, fumare Gitanes e recitare poesie. Ciao

  • Adoro queste cotture lunghe e lente…e lo stinco , ti dirò, non l’ho mai fatto in casa…proverò! 🙂

Lascia un commento