Browsing "Dessert"

Maritozzi con la Panna

119843f266e73d280379e0c1756b5c3c.jpg

Per pensare di farsi da soli i maritozzi con la panna ci deve essere una qualche patologia psicologica latente. Gente all’apparenza normalissima ma che in realtà ha bisogno di un bravo specialista. Per cui è meglio non raccontarlo, è meglio far finta di averli presi in pasticceria stamani, anche a costo di perdersi qualche (meritatissimo) complimento!!!

A Roma si mangiano a colazione, insieme ad un buon cappuccino. Oppure come ultimo atto di una notte brava (la scelta è tra il “cornettaro” e il “maritozzaro”).

INGREDIENTI: per 4 maritozzi
300 g di farina
50 g di zucchero
50 g di pasta di pane
olio d’oliva
sale
2 uova

TEMPO DI PREPARAZIONE:
60 minuti + la lievitazione + 15 minuti di cottura

PREPARAZIONE:
Ho lavorato la pasta di pane con 100 g di farina, un pizzico di sale, 1 cucchiaio d’olio e 1 uovo intero.
Ho formato una palla che ho fatto lievitare in un luogo tiepido per 4 ore e mezzo (comunque non meno di 4 ore).
Passato questo tempo, ho messo la pasta sulla spianatoia e l’ho lavorata con 200 g di farina, 40 g di olio, 50 g di zucchero, un pizzico di sale e 1 uovo.
Durante la lavorazione ho aggiunto un pò d’acqua calda (affinché l’impasto risultasse morbido e non appiccasse né alle mani né alla spianatoia).
Ho lavorato a lungo la pasta (trovata la consistenza giusta ho continuato per altri 15 minuti).
Ho formato i panini e li ho messi a lievitare in un luogo tiepido per 15 ore (comunque non meno di 6 ore).
Li ho cotti nel forno caldo a 180° C per circa 15 minuti.
Nel frattempo ho fatto sciogliere 25 g di zucchero in 50 ml di acqua.
Passato il tempo di cottura dei maritozzi li ho tirati fuori dal forno e li ho spennellati con l’acqua e lo zucchero. Li ho rimessi nel forno spento per qualche minuto affinché si asciugassero in superficie. Ho montato la panna (l’ho zuccherata). Ho tagliato a metà i maritozzi e li ho farciti con la panna montata.

COMMENTO:
La preparazione dei maritozzi va meditata e organizzata con cura. Il tempo di preparazione è talmente tanto che vanno preparati il giorno prima e cotti il giorno seguente. Io ho cominciato con la preparazione della pasta di pane il sabato mattina e li ho cotti la domenica mattina. Li ho fatti freddare, li ho farciti e li ho spolverati di zucchero a velo.